Blog/Blog 201329 January 2013

Dietro le quinte del Glockenspiel

Pochi giorni fa, a Monaco di Baviera, ho avuto il permesso di salire sulla torre del Rathaus, nella centralissima Marienplatz, a 85 metri di altezza per entrare a fotografare nel meccanismo del Glockenspiel, il famosissimo carillon che tre volte al giorno, alle 11, alle 12 e d’estate alle 17, manda in scena le 43 statue grandi come una persona con sottofondo di musica tipica bavarese. Sono entrato appena la giostra è finita, incastrandomi negli spazi ristrettissimi cercando di posizionare treppiede, flash con bank io e il manutentore dell’impianto, Werner, per la foto con le statuine. Fa un certo effetto essere a 85 metri da terra in equilibrio sul davanzale con il treppiedi e la macchina. Il carillon ha due piani. La parte superiore mostra una giostra in occasione del matrimonio del Duca Guglielmo V e Renata di Lorraine nel 1568 dove naturalmente il cavaliere bavarese vince. La parte di sotto celebra la Schäfflertanz, Danza dei Bottai. Dopo la peste nel Medio Evo i bottai scesero in strada e danzarono per riportare allegria nella città provata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *