Blog/Blog 201816 aprile 2018

Etrusca, corsa di bici vintage a Bolgheri

Domenica scorsa, ieri, 15 Aprile, sono stato a Bolgheri, un piccolo borghetto toscano famoso per il suo lunghissimo viale di cipressi reso famoso da una poesia di Carducci, per fotografare un evento su due ruote. L’Etrusca è una gara non competitiva di bici storiche che parte da Bolgheri per tornare, alla fine di tre percorsi di differente chilometraggio, di nuovo nel borgo di partenza. La prima edizione è stata nel 2012, quindi quella di questo anno era la sesta edizione. E’ aperta a tutti coloro che hanno una bicicletta costruita prima del 1987, con un telaio in metallo, rapporti sul telaio e gabbiette ai pedali per i piedi. Quindi niente alluminio, tranne due eccezioni, bici di marca Vitus e Alan, niente attacchi rapidi e diavolerie modernissime. Appassionati da tutto il mondo si sono riuniti nella piazzetta di Bolgheri già dal mattino presto per prendere il numero di gara e partire, intorno alle 9, alla volta delle bellissime strade toscane che si snodano in paesaggi resi famosi da pittori e film di ogni epoca. Per certi versi, e in scala notevolmente più ridotta, si richiama alla più famosa Eroica, la gara di riferimento per questo tipo di bici vintage che si tiene in Toscana a Gaiole in Chianti agli inizi di Ottobre.  Ma lo scopo di entrambe, nonché di tutte le altre manifestazioni di bici vintage che si tengono in Toscana durante l’anno, è quello di passare una giornata in compagnia di amici, altri appassionati di questo sport e assaggiare fantastici prodotti locali ai tavoli dei “ristori” sparpagliati lungo il percorso. Di seguito una breve selezione delle foto scattate durante la giornata di Domenica

6 risposte a “Etrusca, corsa di bici vintage a Bolgheri”

  1. Belle immagini, però correggerei il testo. La data in cui le bici devono rientrare è il 1987 e ci sono 2 eccezioni per bici in alluminio e non in acciaio, sono per i marchi Alan e Virus. Ah nel mondo ciclistico si chiamano rapporti, le marce sono quelle automobilistiche. Saluti

  2. Queste foto sono l’ultimo dei tanti regali che ci avete fatto, premetto che sono un vostro affezionato partecipante…. con quest’anno sono 6 e ogni anno mi stupite con paesaggi meravigliosi che solo grazie a voi ho scoperto. Scrivo io ma il ringraziamento è di tutti i piombinesi dell’uisp che hanno partecipato, apprezzando oltre al bellissimo percorso, i ristori stellati ( quello di Pomarance molto particolare ricco e di grande qualità dove abbiamo fatto davvero una bella figura )anche la vostra professionalità arricchita dalla simpatia e dalla capacità di coinvolgerci e di renderci protagonisti dell’evento………Grazie di nuovo in attesa della settima edizione nella quale sicuramente vi supererete.

    • Grazie Franco!!! Io sono solo un modesto osservatore, non pedalo, come voi e nemmeno ho alcun merito nell’organizzazione, curatissima in ogni dettaglio. Vorrei poter prendermi, almeno in parte, i complimenti di cui sopra, ma non ne sono meritevole, in realtà. Il mio apporto si limita alle immagini che ho portato a casa, alcune delle quali, vedi su questo Blog!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *