Blog/Blog 201921 March 2019

Matera

Sono appena tornato da qualche giorno di fotografia e esplorazione a Matera, in Basilicata, Capitale Europea della Cultura per il 2019 insieme a Plovdiv in Bulgaria. La città ha, grazie a questa nomina che l’ha messa sotto i riflettori mondiali, la possibilità di uscire dal solito stereotipo comune un pò a tutte le città del sud Italia di essere disorganizzata, con servizi inefficienti e poche opportunità per i giovani. Con centinaia di migliaia di turisti attesi e 50 settimane di eventi, Matera punta a diffondere il messaggio che la cultura deve essere accessibile da tutti. “Matera 2019 Open Future” è il motto di questo anno per la nomina concessa dall’Europa nell’autunno del 2014. La città di Matera è antichissima ed è famosa per i suoi “Sassi”, Barisano e Caveoso ed è, già dal 1993, uno dei siti patrimonio dell’Umanità riconosciuti dall’UNESCO. La civiltà materana risale a circa 7000 anni fa e anche se la città si estende anche oltre i suoi confini fisici nella Murgia Materana, i caratteristici Sassi comprendono abitazioni scavate nella roccia così come chiese rupestri costruite sulle rocce o scavate all’interno della roccia stessa nei fianchi delle gole del fiume Gravina che scorre in fondo al precipizio che costeggia i Sassi. Questo sistema rupestre è il più esteso e conosciuto di tutto il Mediterraneo. Oggi i Sassi stanno attraversando un periodo di riqualificazione, dopo tanti anni di abbandono. Tantissimi hotel “rupestri”, abitazioni private e piccoli ristoranti trovano spazio nei luoghi già scavati nei tempi antichi dagli abitanti tornando così a nuova vita. Insomma, una visita a Matera, oggi più che mai è un viaggio da non perdere. Qui di seguito qualche foto appena fatta!

Italy, Matera – European Culture Capital 2019 –

 

Italy, Matera – European Culture Capital 2019 – the Cathedral. Cappella del SS. Sacramento

 

Italy, Matera – European Culture Capital 2019

 

Italy, Matera – European Culture Capital 2019

 

Italy, Matera – European Culture Capital 2019 – Sasso Caveoso

 

Italy, Matera – European Culture Capital 2019 – Church of San Giovanni Battista

 

Italy, Matera – European Culture Capital 2019 – Sasso Caveoso, church of San Pietro Caveoso

 

Italy, Matera – European Culture Capital 2019 – Sasso Barisano

 

Italy, Matera – European Culture Capital 2019 – the Cathedral

 

Italy, Matera – European Culture Capital 2019 – view over the city at dusk

 

Italy, Matera – European Culture Capital 2019 – Sasso Barisano

 

Italy, Matera – European Culture Capital 2019 – Sasso Barisano

 

Italy, Matera – European Culture Capital 2019 – Sasso Barisano

 

Italy, Matera – European Culture Capital 2019 – Sasso Barisano

 

Italy, Matera – European Culture Capital 2019 – Sasso Barisano, the Cathedral

 

Italy, Matera – European Culture Capital 2019 – Sasso Caveoso as seen from the sky

 

Italy, Matera – European Culture Capital 2019

 

Italy, Matera – European Culture Capital 2019 – view over the Sasso Caveoso

 

Italy, Matera – European Culture Capital 2019 – Pasquale Romano, via Sant’Antonio Abate in the heart of Sasso Barisano, working the local stone, the “Calcarenite”

 

Italy, Matera – European Culture Capital 2019 – Palombaro Lungo, once used to collect and store water

 

Italy, Matera – European Culture Capital 2019 – view over the Sasso Barisano at dusk

 

Italy, Matera – European Culture Capital 2019 – the famous “peperoni cruschi” meaning “crusty peppers”, a traditional food from Matera

 

Italy, Matera – European Culture Capital 2019 – Sasso Caveoso – Santa Lucia alle Malve is a rupestrian church, an ancient monastery that welcomed Benedictine-order nuns between the 8th and 16th centuries. It was in the 8th century that churches inside ravines’ tuff stone caves became popular in Matera, as well as in Calabria, Apulia and Sicily.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *